2020

Gennaio

Marco Romano nel Comitato del Forum

L’Intergruppo parlamentare italianità sarà rappresentato nel Comitato del Forum per l’italiano in Svizzera dal consigliere nazionale Marco Romano. La designazione è avvenuta negli scorsi giorni e il consigliere nazionale ticinese sostituisce in questa funzione Roberta Pantani alla quale l’Assemblea del Forum , svoltasi a fine novembre 2019 a Losanna, ha espresso parole di ringraziamento per l’impegno profuso a sostegno della lingua e cultura italiana nel nostro Paese. Marco Romano presiederà anche il Gruppo di lavoro del Forum “Italiano lingua ufficiale svizzera” ,dove sarà pure presente la consigliera nazionale grigionese Anna Giacometti.

Febbraio

Insegnamento dell’italiano: la risposta della CDPE

Come si ricorderà il Forum per l’italiano in Svizzera si era rivolto alla Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione nel settembre 2018 per denunciare un’inadeguata offerta facoltativa dell’italiano nelle scuole degli altri cantoni e la mancata organizzazione dell’abilitazione per l’italiano in alcune alte scuole pedagogiche.

Con lettera del 24 gennaio 2019 indirizzata al presidente Manuele Bertoli e a Diego Erba, coordinatore del Forum, la CDPE prende ora posizione in merito dopo averne discusso in una recente seduta di Comitato.

Nello scritto si precisa dapprima che “ la CDPE dà molta importanza all'insegnamento delle lingue nazionali e sostiene l’insegnamento di una terza lingua nazionale, in particolare a livello secondario I “.

Rilevato come il concordato HarmoS preveda all’art. 4 cpv. 2, che un'offerta appropriata d'insegnamento facoltativo di una terza lingua nazionale sia proposta durante le scuole dell'obbligo, la CDPE esaminerà questo tema e lo approfondirà nell’ambito del secondo bilancio sull'armonizzazione delle scuole dell’obbligo in Svizzera. Il bilancio 2019 della CDPE si riferirà all’armonizzazione degli elementi mirati dall'art. 62 cpv. 4 della Costituzione nel settore delle scuole dell'obbligo e sarà dunque “ completato da un esame concernente la messa in atto dell'art. 4 cpv. 2 del concordato HarmoS”.

In base all’esito di questo bilancio – prosegue la lettera firmata dalla Segretaria generale della Conferenza Susanne Hardmeier – “ la CDPE potrà stabilire se l'offerta d'italiano è appropriata e, nel caso, intraprendere delle riflessioni più approfondite sulla promozione dell'italiano nelle scuole dell’obbligo”.

Per quanto concerne invece l’abilitazione si osserva che il compito di garantire anche la presenza delle discipline scolastiche facoltative nei cicli di formazione delle alte scuole pedagogiche esula dalle competenze della CDPE.

Italiano L2 e molto altro

Enrico Serena ,docente di Linguistica italiana e Didattica delle lingue romanze presso l'Istituto di Romanistica dell'Università di Bochum, Germania, ha recentemente ideato una nota informativa intitolata "Italiano L2 e molto altro".

Si tratta di un notiziario telematico che è inviato a cadenza settimanale a circa 4.000 italianisti/e in tutto il mondo e che rappresenta un utile strumento di informazione su convegni, congressi, corsi di aggiornamento, offerte di lavoro e novità editoriali sulla didattica della lingua italiana a stranieri, sulla linguistica italiana e su ambiti disciplinari affini.

Per ricevere la newsletter è sufficiente inviare una e-mail a questo indirizzo: italianol2emoltoaltro@googlemail.com
Allo stesso indirizzo possono essere inviate segnalazioni di iniziative legate alla promozione della lingua italiana.


Febbraio

Per l’ASF: l’italiano come le altre lingue nazionali

Nel novembre scorso il Forum per l’italiano in Svizzera si era rivolto all’Associazione svizzera di football (ASF) per manifestare il proprio rammarico per il mancato rispetto dell’italiano in occasione della partita Svizzera – Georgia svoltasi a San Gallo a metà novembre. In quell’occasione tutti gli annunci ufficiali furono effettuati in lingua tedesca, francese e inglese. Dell’italiano nessuna traccia, come se non fosse lingua nazionale del nostro Paese. Il Forum – nello scritto all’ASF - si augurava che in futuro ,in occasione delle partite della nazionale di calcio ,all’italiano fosse riconosciuto analogo trattamento delle altre lingue nazionali.

In data 13 febbraio 2020 è ora giunta la risposta dell’ASF che condivide sostanzialmente la critica espressa dal Forum. Infatti il Comitato centrale dell'AFS si è occupato recentemente di questo tema e ha deciso, tenendo presente alcuni condizionamenti tecnici, che “in futuro le comunicazioni relative allo svolgimento della partita (reti segnate, sostituzioni, tempi supplementari, ecc.) saranno effettuate solo nella lingua parlata in loco (ad es. tedesco a San Gallo, francese a Ginevra e italiano a Lugano) e in una lingua comprensibile per la squadra ospite (di solito l'inglese)”.
L’italiano sarà quindi posto sullo stesso piano delle altre lingue nazionali . A titolo esemplificativo gli annunci di una partita tra la Svizzera e l’Italia a Basilea saranno comunicati in lingua tedesca e italiana, mentre per una partita della nazionale contro il Portogallo a Ginevra saranno in francese e inglese.
In pratica da ora in poi le lingue nazionali saranno trattate in modo equo da parte dell’ASF. Il Forum per l’italiano in Svizzera si felicita per questa apprezzata decisione.


Marzo

Altre due associazioni si aggiungono al Forum

Con la presenza dell’ACLI (Associazioni cristiane di lavoratori italiani/internazionali) e dell’Associazione Liceo Vermigli di Zurigo salgono a 38 le organizzazioni che fanno parte del Forum per l’italiano in Svizzera. La decisione di adesione è stata approvata dal Comitato del Forum riunito a Lucerna lo scorso 15 marzo. La procedura di adesione si concluderà con la ratifica da parte dell’Assemblea il prossimo 30 novembre a Losanna.

I circoli ACLI in Svizzera sono complessivamente 35 e i soci aderenti ca. 4000 . Fra le numerose attività promosse vi è pure la promozione della lingua e cultura italiana nel nostro Paese. E’ pure pubblicato il bimestrale “Il dialogo” distribuito a soci, enti e organizzazioni in Svizzera e all’estero.

L’Associazione Liceo Vermigli è l’ente gestore dell’ istituto formativo con sede a Zurigo . Il Liceo fa parte del “Polo Scolastico italiano“ di Zurigo che accoglie anche allievi/e di scuola dell’infanzia, scuola elementare e scuola media. Fatta astrazione del Cantone dei Grigioni, nella Svizzera tedesca il “Polo scolastico” è una delle offerte formative in lingua italiana e bilingue per coloro che desiderano seguire i corsi in queste lingue. Gli studenti appartengono all’ultima emigrazione italiana in Svizzera, alle precedenti, ma anche a coloro che desiderano avvicinarsi alla lingua italiana .

Dopo la ratifica che interverrà il prossimo 30 novembre a Losanna, queste due nuove associazioni completeranno l’elenco delle organizzazioni che compongono il Forum pubblicato al seguente indirizzo :

» Organizzazioni associate


Aprile

Dati a confronto per l’italiano in Svizzera

Il Comitato del Forum per l’italiano in Svizzera ha conferito all’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI) e al Dipartimento formazione e apprendimento (SUPSI-DFA) il mandato d’individuare degli indicatori che permettano di verificare se e in quale misura l’obiettivo del Forum, ovvero «la corretta collocazione entro il 2020 dell’italiano nel quadro del plurilinguismo costituzionale della Svizzera» sia stato o meno conseguito. La decisione del Comitato fa seguito all’esame delle diverse offerte pervenute entro fine febbraio 2019 e tiene conto del preavviso di un’apposita commissione di valutazione.

L’offerta presentata da OLSI/SUPSI-DFA abbina due elevate competenze: da un lato una solida esperienza in ambito linguistico e, dall’altra, un’adeguata competenza nell’elaborazione degli indicatori. Si tratta di due approcci complementari che offrono la garanzia di un lavoro accurato e rispondente alle richieste prospettate dal Forum. Tre le aree tematiche che saranno oggetto di approfondimento (italiano lingua ufficiale, italiano e insegnamento, italiano e cultura italiana). L’analisi da parte dei due istituti designati, che prevede pure una collaborazione con il Cantone dei Grigioni, prenderà avvio nei prossimi mesi e il rapporto finale di ricerca sarà consegnato nel settembre del 2020. Sulla base degli indicatori individuati, sarà quindi possibile mettere a confronto la situazione del 2012 (anno di fondazione del Forum) con quella attuale, come pure delineare degli scenari per il futuro dell’italiano in Svizzera.


Maggio

Assemblea del Forum 2019

Come noto la prossima assemblea del Forum si terrà a Losanna il 30 novembre 2019 con inizio alle ore 13.30 e conclusione alle 16.00. Grazie alla collaborazione del prof. Tomasin della Sezione d’italiano dell’UNI di Losanna è stato possibile individuare una sede centrale per favorire la presenza dei partecipanti che si spostano con i mezzi pubblici.

Conseguentemente i lavori assembleari si terranno all’Hotel Continental situato proprio di fronte alla Stazione di Losanna in Place de la Gare 2.

Oltre alle relazioni annuali del presidente Manuele Bertoli ,dei responsabili dei gruppi di lavoro del Forum e agli altri temi posti all’ordine del giorno , a Losanna avrà pure luogo la premiazione del Concorso "Parli italiano? Ti prendo in parola!" . A questo proposito si ricorda a chi desidera partecipare a questa iniziativa del Forum che la scadenza per l’inoltro delle proposte è fissata per il 15 giugno 2019 e che maggiori informazioni si trovano sul sito www.forumperlitalianoinsvizzera.ch.

Riservate quindi la data del 30 novembre 2019 : oltre ai rappresentanti delle organizzazioni associate possono assistere ai lavori le persone interessate alla lingua e alla cultura italiana in Svizzera.


Giugno

Ricerca sull’italiano: grazie a chi ci ha sostenuto

Lo scorso anno il Forum per l’italiano in Svizzera ha conferito all’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI) e al Dipartimento formazione e apprendimento (SUPSI-DFA) il mandato d’individuare degli indicatori che permettano di verificare se e in quale misura l’obiettivo del Forum, ovvero «la corretta collocazione entro il 2020 dell’italiano nel quadro del plurilinguismo costituzionale della Svizzera» sia stato o meno conseguito. L’analisi è in corso e i risultati saranno presentati in occasione dell’Assemblea del Forum del 28 novembre a Zurigo.

L’esito dello studio e gli indicatori individuati permetteranno di mettere a confronto la situazione del 2012 (anno di avvio del Forum) con quella attuale, come pure di delineare gli scenari per il futuro dell’italiano in Svizzera.

Il finanziamento di questa ricerca è stato in larga misura coperto dal generoso sostegno di enti e organizzazioni che qui si ringraziano e si menzionano:
Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport TI; Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente GR; CORSI (Società cooperativa per la radiotelevisione svizzera di lingua italiana); Accademia svizzera di scienze umane e sociali (ASSH); Migros Ticino.


Settembre

Scambi individuali con la Svizzera tedesca o francese

Da quest'anno scolastico 2019/20 Movetia ha deciso di ampliare la sua offerta di scambi individuali. Il nuovo programma "impariamo insieme" organizza scambi tra alunni della Svizzera tedesca o della Svizzera francese e alunni di lingua italiana. L’obiettivo principale è di promuovere la lingua italiana nelle regioni oltre Gottardo e di permettere ad alunni della Svizzera italiana di fare uno scambio.

Il programma in breve:

  • Partecipanti: allieve/i dai 13 ai 18 anni della Svizzera italiana e coloro che imparano l'italiano a scuola.
  • Durata: complessivamente 4 settimane durante la scuola (2 nella Svizzera italiana; 2 nella Svizzera tedesca o nella Svizzera francese ).
  • Informazioni sulla registrazione: disponibili su www.movetia.ch/it/impariamoinsieme
  • Termine d’iscrizione: 15 novembre 2019.

Qui di seguito è pubblicato il volantino del programma, mentre ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web.

» volantino del programma
» sito web

Il Forum sostiene il Dantedì

Il Comitato del Forum per l’italiano in Svizzera ha deciso di sostenere pienamente e con convinzione il Dantedì e si augura che questa iniziativa - che coinvolge non solo l’Italia, ma anche la Svizzera e altri stati - abbia a trovare concreta attuazione.
In vista del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri (1265-1321) che cadrà nel 2021 il «Corriere della Sera» ha lanciato l’idea di istituire una giornata per il poeta.

La proposta ha raccolto molte adesioni di personalità del mondo culturale e politico. Sostegno al progetto è arrivato sia dal presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi, sia dall’Accademia della Crusca, mentre René de Ceccatty, traduttore dell’edizione francese della Commedia, ha proposto di celebrare Dante anche al di fuori dei confini italiani. La decisione del Comitato del Forum è stata molto apprezzata dai promotori e permetterà quindi alla Svizzera di essere parte integrante del progetto.


Recentemente ha avuto luogo una riunione a Ravenna alla presenza di numerosi dantisti italiani e stranieri. Ci si sta orientando verso la data del 25 marzo, giorno dell’inizio del viaggio ultraterreno, ma per definire il tutto bisognerà attendere il pronunciamento istituzionale del governo italiano e/o del presidente della Repubblica.

Palazzo federale a Berna : Giornate del plurilinguismo dal 21 al 26 settembre 2020

La Giornata europea delle lingue, che il Consiglio federale desidera celebrare anche quest’anno nell’ambito dell’Amministrazione federale il 26 settembre 2020, cade di sabato. Per dare la necessaria attenzione al tema e consentire uno svolgimento adeguato, l’iniziativa si terrà sull’arco di una settimana, dal 21 al 25 settembre 2020.Il personale dell’Amministrazione federale, i dipartimenti e le loro unità amministrative sono pertanto invitati ad aderire alle Giornate del plurilinguismo – E tu, come lo dici?, organizzate e coordinate dalla Delegata federale al plurilinguismo. Strutturate come una Caccia al tesoro: alla ricerca dei tesori elvetici, le giornate saranno caratterizzate da numerose attività e il personale della Confederazione potrà dedicarsi alla promozione del plurilinguismo, delle culture e delle lingue minoritarie, scegliendo con agio e spazio il modo e il momento più opportuni per parteciparvi.

» Per maggiori informazioni

Il Totem all’ASP del Canton Turgovia

A inizio settembre ha avuto luogo l’inaugurazione presso l’Alta scuola pedagogica di Kreuzlingen (TG) del Totem sulla lingua e la cultura italiana che il Forum mette a disposizione degli enti e delle sedi scolastiche interessate. Alla presenza di una quarantina di studenti e studentesse la dr. Rothenberger, docente di didattica dell’italiano, ne ha illustrato i contenuti. Il Totem resterà nel Canton Turgovia per alcuni mesi ed è accompagnato anche da due Tablet per un’utilizzazione in classe.

Qui di seguito alcune immagini dell’inaugurazione.


Ottobre

A Losanna l’Assemblea del Forum

Il 30 novembre avrà luogo a Losanna l’annuale Assemblea del Forum per l’italiano in Svizzera. I lavori assembleari si terranno all’Hotel Continental situato di fronte alla Stazione di Losanna, in Place de la Gare 2, con inizio alle ore 13.30.

Oltre alle relazioni annuali del presidente Manuele Bertoli e dei responsabili dei gruppi di lavoro del Forum, a Losanna avrà pure luogo la premiazione del Concorso “Parli italiano? Ti prendo in parola!” che ha visto un buon numero di partecipanti. Per l’occasione saranno designati i vincitori e le vincitrici delle tre categorie previste: bambini, giovani e adulti.

L’ordine del giorno prevede pure l’approvazione dei conti e le nomine statutarie per il triennio 2020- 2022.Adeguato spazio sarà riservato al programma futuro del Forum, con particolare riferimento alla ricerca in corso sullo stato dell’italiano in Svizzera, il cui esito sarà noto nel novembre 2020.

All’Assemblea partecipano i rappresentanti delle 38 organizzazioni che compongono il Forum. Possono pure assistere ai lavori tutti coloro che hanno un interesse per la promozione dell’italiano nel nostro paese.


Novembre

Assemblea del Forum 2020 in modalità online

Contrariamente a quanto programmato l’assemblea 2020 del Forum non si terrà in presenza a Zurigo il 28 novembre 2020 ,ma in modalità online.

Il cambiamento è strettamente legato alle recenti decisioni del Consiglio federale per gli avvenimenti culturali che non possono accogliere più di 50 persone. Essendo le nostre assemblee molto ben frequentate è d’obbligo quindi organizzare l’Assemblea del Forum nella forma online.

L’appuntamento rimane quindi per il 28 novembre 2020, dalle 13.30 alle 16.00. Le persone che intendono partecipare o assistere ai lavori sono invitati a segnalarsi entro il 25 novembre 2020 al seguente indirizzo: forumperlitalianoinsvizzera@gmail.com.

Le persone iscritte riceveranno poi le indicazioni per collegarsi qualche minuto prima delle 13.30. Qui a lato trovate il materiale utile per seguire i lavori dell’Assemblea.

Assemblea online del Forum per l’italiano in Svizzera

Ha avuto luogo sabato 28 novembre l’annuale Assemblea del Forum per l’italiano in Svizzera. Inizialmente prevista in presenza a Zurigo, l’assemblea si è forzatamente svolta in modalità online con la partecipazione di oltre 60 persone in rappresentanza delle organizzazioni associate o interessate alla promozione della lingua e cultura italiana in Svizzera. Presieduta dalla prof. Valeria Gemelli, rettrice della Kantonsschule Freudenberg di Zurigo, i partecipanti hanno apprezzato i saluti iniziali della presidente del Governo zurighese dr. Silvia Steiner, cui hanno fatto seguito la relazione annuale di Manuele Bertoli, presidente del Forum, e gli interventi dei responsabili dei gruppi di lavoro. La successiva discussione ha evidenziato l’importante attività svolta dal Forum.

E’ pure stata l’occasione di proporre l’istituzione di un nuovo gruppo di lavoro che si occupi dei media italofoni Oltre Gottardo. Quest’ultimo aspetto sarà oggetto di approfondimento da parte del Comitato nei prossimi mesi in vista di una possibile concretizzazione nel corso del 2021. Approvati i conti 2019 e il preventivo 2021, l’Assemblea ha designato quale nuovo membro di Comitato il prof. Alessandro Bosco, presidente della Dante Alighieri di Zurigo, in sostituzione di Tonino Castiglione e in rappresentanza delle organizzazioni culturali.

E’ stata pure tracciata l’attività del prossimo anno che vedrà in particolare l’organizzazione il 25 marzo 2021 in ogni regione linguistica di manifestazioni per i settecento anni della morte di Dante Alighieri. Si procederà al rinnovo del sito del Forum, come pure a valutare l’esito dell’indagine interna svolta presso le 37 organizzazioni che compongono il Forum. Definita anche la data e la sede dell’Assemblea 2021: 27 novembre 2021 a Basilea.

A conclusione dei lavori vi è stata la presentazione esaustiva della ricerca commissionata dal Forum “La posizione dell’italiano in Svizzera” svolta dall’OLSI/DFA. Sono state evidenziate in particolare le luci e le ombre della presenza della terza lingua nazionale nel nostro Paese. Una sintesi della presentazione, a cui ha fatto seguito un’interessante discussione, sarà pubblicata prossimamente sul sito www.forumperlitalianoinsvizzera.ch.